Microsoft sospende Windows 8.1 - Mirco B

Vai ai contenuti

Menu principale:

Di tutto di più

Microsoft sospende Windows 8.1: blue screen of death blocca i device



L'aggiornamento rende inutilizzabili i dispositivi, lasciando gli utenti davanti a una desolante schermata blu.

Windows RT 8.1 è partito decisamente con il piede sbagliato, causando il problema peggiore che un aggiornamento possa generare: il blocco dei dispositivi su cui viene installato.


Se la versione per sistemi x86 al momento non sembra aver creato difficoltà a chi l'ha adottata, quella per i sistemi ARM sta invece scontentando gli utenti che hanno acquistato un tablet con Windows RT.

Diversi hanno infatti segnalato che, dopo l'installazione dell'aggiornamento, tutto ciò che il tablet presenta dopo il riavvio è una desolante schermata blu con un messaggio che invita a riparare il computer. Windows non si avvia, e pertanto il dispositivo risulta inutilizzabile.

Rimettere il proprio tablet o PC in condizioni di funzionare facendo tutto da soli non è impossibile, ma un po' complicato; per aiutare gli utenti in difficoltà Microsoft ha messo a disposizione un'immagine di Windows RT che permette di completare l'aggiornamento.

Nel frattempo, però, l'azienda di Redmond ha anche tolto Windows RT 8.1 dal Windows Store, in attesa di capire esattamente che cosa sia successo.

Dire che si tratta di un problema seccante è dire poco, ma le cose sono peggiorate anche dal fatto che non si tratta dell'unico inconveniente.

Pare infatti che Internet Explorer 11, incluso nell'ultimo aggiornamento di Windows, non funzioni bene con diversi siti, tra cui Google, ( ma Microsoft scarica la responsabilità sull'azienda di Mountain View ) e anche con la versione web di Outlook.

L'installazione stessa è piuttosto macchinosa. Scaricando l'immagine ISO e volendo installarla direttamente per fare un'installazione "pulita", si scopre che non è possibile: il codice di Windows 8 non viene infatti riconosciuto valido. Occorre prima installare Windows 8 e poi aggiornare.

17/05/2017
Privacy Policy
Torna ai contenuti | Torna al menu